Davutoglu: A Ginevra vorremmo vedere presenti anche i Curdi, ma non il PYD - #InfoTurchia
Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

#InfoTurchia

#InfoTurchia

informazione indipendente sulla Turchia di oggi


Davutoglu: A Ginevra vorremmo vedere presenti anche i Curdi, ma non il PYD

Pubblicato su 27 Gennaio 2016, 09:37am

Tags: #PYD, #siria, #Ginevra, #YPG, #guerra, #pace

Il primo ministro della Repubblica di Turchia, Ahmet Davutoglu ha ribadito; “Nei colloqui intra-siriani sponsorizzati dalle Nazioni Unite vorremmo vedere presenti anche i Curdi al tavolo. Ma non possiamo accettare la partecipazione del PYD. (Partito dell'Unione Democratica)

Durante l’intervista realizzata dal canale televisivo CNN International con Christian Amanpour, Davutoglu ha parlato così : “Senza i curdi-siriani il tavolo non può essere completo, ma noi perché siamo contro lo YPG(Unità di Difesa Popolare)? Perché è un'estensione del PKK che è considerata un’organizzazione terroristica non solamente dalla Turchia ma anche dell’UE e dagli Stati Uniti.


Invece per la domanda di Amanpour “ Voi potete considerare lo YPG come un’organizzazione terroristica però gli Stati Uniti sono in collaborazione con loro in Siria. Ormai non è arrivato il momento di vedere la realtà?” Davutoglu ha risposto così: “Chi vede lo YPG come un alleato legittimo non vive con la realtà del territorio.”

Durante l'intervista Davutoglu ha definito l’operazione militare russa in Siria come "un’occupazione". La giornalista Amanpour ha posto anche questa domanda: “Dall’inizio avete sempre sostenuto l’idea di rovesciare il governo Essad. Invece ora Essad pensa che con il sostegno della Russia e l'Iran possa vincere la guerra. Secondo Lei, Essad sta vincendo?". A questa domanda Davutoglu ha risposto così : “No, non sta vincendo. Finchè Essad risiede a Damasco nessun Siriano ritornerà in Siria. Il nostro criterio di pace è questo. Essad assolutamente non sta vincendo".

Un'altra domanda di Amanpour è stata questa: “Tanti pensano che al vostro governo non piaccia essere criticato. Perché è veramente molto difficile criticare la vostra democrazia? Ci sono dei giornalisti in carcere ed i loro processi sono in atto, ci sono degli accademici che vengono accusati come “traditori della patria” solamente per aver scritto una lettera contro la vostra politica contro i Curdi.”

A proposito questa domanda la risposta di Davutoglu è stata così: “Se ci fosse una minaccia per la libertà di espressione, sarei stato io il primo ad essere contro. In questo argomento il punto non è la libertà di espressione, il punto è la percezione del ‘terrorismo’. Tutti gli accademici ci possono criticare, però io li ho invitati ad intraprendere una responsabilità etica e vedere la realtà nel territorio.

Davutoglu aveva già espresso la sua contrapposizione della partecipazione del PYD ai colloqui che si terranno in questi giorni a Ginevra. Però le Nazioni Unite, gli Stati Uniti e la Russia vogliono che ci partecipi anche il PYD. Tuttora la questione dell'invito è un punto da chiarire da parte di tutte parti partecipanti ai negoziati.

Archivi blog

Post recenti

BlogItalia - La directory italiana dei blog