In un solo anno gli "uomini di stato" hanno fatto ricorso contro 392 scrittori ed editori - #InfoTurchia
Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

#InfoTurchia

#InfoTurchia

informazione indipendente sulla Turchia di oggi


In un solo anno gli "uomini di stato" hanno fatto ricorso contro 392 scrittori ed editori

Pubblicato su 19 Giugno 2015, 12:35pm

Tags: #libertà di espressione, #giornalismo, #giornalista, #editori, #stampa, #libri

È stato pubblicato il Rapporto Annuale sulla Libertà di Stampa 2015 da parte dell’Unione degli Editori di Turchia.

Il rapporto dà conto in 32 pagine delle violazioni nei confronti della libertà di stampa nel periodo che va dal giugno 2014 al giugno 2015, ed è articolato in sezioni dai titoli molto eloquenti: “Processi contro i libri, indagini e sentenze di ritiro”, “Processi intentati contro le caricature”, “Pressioni nei confronti della stampa”, “Pressioni nei confronti delle pubblicazioni su internet”.

Secondo il rapporto nell’arco di un solo anno sono stati intentati cinque processi e sono state avviate quattro indagini, complessivamente sono 392 gli scrittori e gli editori coinvolti. In totale sono stati richiesti 2 anni e 8 mesi di carcere, oltre a 245.000 Lire Turche di multa. Solo per ciò che riguarda l’opera collettiva dal titolo “Non fate il militare perché…”, contro la quale è stato fatto ricorso da parte dello Stato Maggiore, è stata avviata un’indagine nei confronti di 381 scrittori.

INDAGATI 381 SCRITTORI PER UN LIBRO

A causa di un ricorso intentato dallo Stato Maggiore risultano indagati da parte della Procura della Repubblica di Ankara 381 scrittori, autori collettivamente dell’opera dal titolo “Non fate il militare perché…”, tra i quali figurano personaggi quali Akın Birdal, Aydın Engin, Cafer Solgun, Ömer Faruk Gergerlioğlu, Sadık Yalsızuçanlar, Tan Oral, Ohannes Kılıçdağı, İsmail Beşikçi e Roni Margulies. L’accusa, che verte sul titolo stesso dell’opera, è di aver violato l’articolo 318 del Codice Penale della Repubblica di Turchia e di lavorare per “allontanare il popolo dal servizio militare”.

Archivi blog

Post recenti

BlogItalia - La directory italiana dei blog